Il Tribunale riconosce le ragioni affermate dalla Camera Civile di Roma: per l’ottenimento del verbale di rilascio, il pagamento del contributo unificato atti giudiziari é “volontario”

E’ stata coronata da successo l’iniziativa con cui la Camera Civile di Roma aveva posto in discussione la prassi -in uso nei Tribunali- di esigere il pagamento del contributo unificato atti giudiziari (nella misura di € 139,00) e del bollo (€ 27,00) allorchè, all’esito di processi esecutivi di rilascio (artt. 605 e seguenti del c.p.c.), i difensori richiedevano la restituzione degli atti di esecuzione ed il rilascio di copie.

Prendendo atto delle osservazioni avanzate dalla Camera Civile di Roma a tutela dell’utenza forense, il Tribunale ha confermato che la corretta prassi seguita dalla competente struttura del Tribunale (Sezione esecuzioni mobiliari) deve essere quella di “consentire ai soggetti legittimati il ritiro del titolo esecutivo e/o della copia del verbale o degli atti depositati relativamente ai procedimenti in oggetto [ndr: processi esecutivi di rilascio], anche nell’ipotesi di mancata tempestiva corresponsione del contributo unificato“.

Ringraziamo la Presidenza e la Dirigenza del Tribunale per aver reso il richiesto chiarimento.

LEGGI LE RAGIONI PROPOSTE DALLA CAMERA CIVILE DI ROMA

LEGGI IL CHIARIMENTO DEL TRIBUNALE